Dallastown Area School District passa da iBoss a Lightspeed Filter ™ per migliori filtri, rapporti e funzionalità

quando Dallastown Area School District ha deciso di avviare un programma 1: 1, John Lenhart, amministratore di sistema, aveva alcuni requisiti semplici ma critici: i dispositivi dovevano essere filtrati con la stessa efficacia fuori dal campus come lo erano nel campus, aveva bisogno di rapporti completi su ciò che erano i suoi studenti guardare online e i siti web dovevano essere filtrati senza bloccare i contenuti educativi. Quando Dallastown acquistò iBoss come filtro 1: 1, Lenhart apprese rapidamente che non tutti i filtri funzionano come vengono commercializzati. Fortunatamente, Dallastown è riuscita a passare a una soluzione più potente e affidabile: Lightspeed Filter ™.

Il filtro Lightspeed salva la distribuzione disastrosa

Dallastown Area School District serve 6.400 studenti e 734 dipendenti in due township della Pennsylvania. La loro iniziativa 1: 1 include oltre 7.500 dispositivi ed è un mix di Chromebook e laptop Windows, il che significava che il loro filtro web doveva essere una soluzione multi-OS con rapporti solidi e potenti filtri mobili.

All'epoca, Dallastown aveva un filtro in linea, ma non riusciva a tenere il passo con le esigenze tecnologiche del distretto. "Semplicemente non stava funzionando altrettanto bene", ha detto Lenhart. "I rapporti erano lenti da caricare, dovevamo chiamare l'assistenza ogni volta che avevamo bisogno di un rapporto velocemente, e semplicemente non era scalabile per il nostro 1: 1, quindi abbiamo iniziato a esaminare alcune opzioni basate su cloud."

Nella loro ricerca di un filtro che supportasse il loro programma 1: 1, Dallastown ha trovato iBoss, un filtro concorrente che aveva recentemente rilasciato un'opzione basata su cloud e ha affermato di gestire i rapporti robusti e il filtraggio fuori dal campus che Lenhart stava cercando. Lenhart fu venduto e iBoss divenne la soluzione di filtraggio per il programma 1: 1 di Dallastown.

Immediatamente, il distretto ha iniziato a riscontrare problemi con il filtro. "È stato assolutamente terribile, non ha funzionato affatto, c'erano problemi dall'inizio che non sono mai andati via." dice Lenhart.

Oltre a non essere in grado di fornire i rapporti promessi, il filtro iBoss ha iniziato a bloccare quasi tutti i siti visitati dagli studenti. Ciò ha portato a bambini, insegnanti e amministratori frustrati e ha portato a una quantità enorme di ticket di supporto per il team IT distrettuale. "IBoss bloccherebbe tutto, che fosse necessario o meno", afferma Lenhart. "L'agente iBoss richiedeva un'autenticazione costante e ricevevano continuamente popup che dicevano" iBoss non può autenticare ", il che significava che erano bloccati senza Internet." Aggiunge: "La maggior parte delle volte chiudeva il browser di uno studente e perdeva il lavoro. È stato esasperante per loro. "

Dallastown ha 7 membri dello staff nel loro dipartimento tecnologico, che è più della maggior parte dei distretti, ma le mani in più sul ponte non sono state di grande aiuto quando il team parlava costantemente con il supporto. "Con iBoss abbiamo a che fare con problemi quasi ogni giorno", osserva Lenhart. "Non abbiamo mai avuto un prodotto funzionale con loro, eravamo costantemente al telefono con il supporto per qualcosa ed era semplicemente brutto tutto intorno."

Dopo diversi mesi di avanti e indietro, iBoss ha accettato di liberare Dallastown dal loro contratto di 3 anni. "Volevo solo uscirne, quindi hanno deciso di lasciarmi pagare per un anno anche se ci siamo impegnati per tre", osserva Lenhart. "Lo sapevo Lightspeed Systems® a quel punto era disponibile un filtro per le nuvole, quindi ho detto bene che andrò a Lightspeed ".

[iBoss] è stato assolutamente terribile, non ha funzionato affatto, c'erano problemi dall'inizio che non sono mai andati via.

John Lenhart, amministratore di sistema

Lightspeed salva la giornata

Una volta che Dallastown si è schierato Filtro velocità della luce, da lì è stata una navigazione tranquilla.

Immediatamente, l'implementazione del filtro è stata più facile con Lightspeed che con iBoss. "Il filtro è stato molto facile da implementare, soprattutto per i Chromebook", ricorda Lenhart. "Siamo stati operativi in meno di 30 minuti dal ritiro dell'agente."

Dopo l'implementazione, Lenhart è rimasto piacevolmente sorpreso di quanto fosse facile gestire il filtro e di quanto fosse potente. "Una volta passati al filtro Lightspeed, abbiamo iniziato a risparmiare ore settimanali, settimanali e la differenza è stata immediatamente evidente", afferma Lenhart. "Il filtro blocca i siti solo quando necessario e abbiamo sicuramente visto un aumento delle prestazioni degli studenti da quando sono passati al filtro Lightspeed."

Una volta passati al filtro Lightspeed, abbiamo iniziato a risparmiare ore settimanali, settimanali e la differenza è stata immediatamente evidente.

John Lenhart, amministratore di sistema

Consentire l'autonomia

Il filtraggio accurato non era l'unica area in cui Filtro velocità della luce ha superato iBoss: anche i report generati da Lightspeed Filter erano di gran lunga superiori. "La segnalazione con iBoss era molto generica, per lo più informazioni di alto livello che chiunque poteva vedere", ricorda Lenhart. "Dopo essere passati completamente a Lightspeed, i rapporti erano più specifici, ci mostravano tutto ciò che era bloccato, tutti i video guardati dai bambini e tutte le ricerche che hanno fatto, ma c'era anche un'opzione per creare rapporti che mostravano un panoramica dell'utilizzo di Internet per vedere esattamente cosa fanno gli studenti online ".

Con un dashboard di reporting personalizzabile, funzionalità di drill-down e un'interfaccia user-friendly, Lightspeed Filter è stato in grado di sollevare il carico di reporting sull'utilizzo di Internet degli studenti dal piatto del dipartimento tecnologico. Ciò ha consentito agli amministratori scolastici di assumersi tale responsabilità.

"Le informazioni nel dashboard sono presentate bene agli utenti finali ed eravamo entusiasti di aprire questo sistema alla nostra amministrazione che in passato faceva affidamento sull'IT per eseguire ogni rapporto sull'attività degli studenti", afferma Lenhart. "L'esecuzione dei report è abbastanza facile da usare che siamo stati in grado di mostrare ai nostri principali e ad altri amministratori come utilizzare il sistema in modo che fossero in grado di farlo da soli. Prima non avevano questa autonomia, quindi abbiamo fornito loro un filtro di accesso e ora il mio team non deve nemmeno più fare rapporti sulla cronologia Internet degli studenti ".

Quando si confronta iBoss, dove il dipartimento tecnologico doveva gestire numerosi ticket di supporto al giorno, con Lightspeed, dove gli amministratori hanno la capacità di eseguire i report da soli, Lenhart è stupito della differenza. "Da quando abbiamo implementato il filtro Lightspeed, non abbiamo dovuto eseguire un singolo rapporto studente fuori dal dipartimento tecnico", osserva Lenhart. "I presidi lo stanno facendo ora, il che ci consente di risparmiare un'incredibile quantità di tempo per concentrare i nostri sforzi altrove". Aggiunge: “con iBoss ricevevamo più biglietti al giorno correlati ai filtri; ora otteniamo forse un biglietto al mese con Lightspeed Filter ".

Il componente finale del filtro Lightspeed che piace a Lenhart è la sua affidabilità. "Funziona e basta", dice. "La decrittografia SSL è molto affidabile e so senza ombra di dubbio che i dispositivi dei nostri figli sono filtrati. Il filtro Lightspeed ha consentito al nostro distretto di rivendicare visibilità su ciò che gli studenti stanno facendo online ".

Il filtro Lightspeed ha consentito al nostro distretto di rivendicare visibilità su ciò che gli studenti stanno facendo online.

John Lenhart, amministratore di sistema

Informazioni

Posizione:

Pennsylvania, USA

Cliente dal:

2018

Studenti:

6,200

Gradi:

PreK-12

Membri dello staff:

7 (IT)

Dispositivi utilizzati:

Chromebook, laptop Windows

Soluzioni:

Lightspeed Filter ™

Condividere su

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Ulteriori letture