Il cyberbullismo è una minaccia crescente nelle scuole primarie e secondarie. Ecco come fermarlo

Questo mese, in concomitanza con il mese nazionale per la prevenzione del bullismo, Lightspeed Systems sta sensibilizzando su un problema critico che colpisce gli studenti di tutto il mondo: il cyberbullismo. In qualità di leader nel filtraggio web K-12 e nella gestione dei dispositivi mobili, Lightspeed Systems è orgogliosa di fornire all'IT e agli insegnanti gli strumenti necessari per monitorare l'apprendimento digitale e proteggere i bambini. In un sondaggio indipendente condotto da Lightspeed Systems, 60.5% di un campione di genitori negli Stati Uniti ha affermato che i loro figli hanno accesso a laptop e dispositivi mobili durante la scuola. 27% dei genitori ha affermato che i loro figli usano i dispositivi forniti dalla scuola a casa. E secondo il National Bullying Prevention Center, più di 20% di studenti riferiscono di essere stati vittime di bullismo. Sappiamo che crescere nell'era digitale può essere difficile per gli studenti: sfide con la piaga del cyberbullismo praticamente in ogni scuola. L'accesso alla tecnologia, come i social media e la messaggistica istantanea, apre le porte al fiorire del nonnismo digitale. La nostra stessa comunità di clienti è testimone di incidenti di cyberbullismo in prima persona e delle ripercussioni del cyberbullismo. Ci siamo rivolti a loro per rispondere ad alcune domande critiche nel nostro sondaggio: qual è lo stato attuale del cyberbullismo nella scuola materna? In che modo un maggiore accesso alla tecnologia ha influito sulla sicurezza degli studenti? Chi è responsabile della fine del ciclo di bullismo nelle scuole? I reparti IT di K12 sono un pezzo del puzzle nel riconoscere e agire contro il cyberbullismo. Anche i genitori svolgono un ruolo fondamentale e li abbiamo esaminati oltre a ottenere un quadro chiaro di questo problema oggi. Pronto a vedere di più di ciò che abbiamo imparato? Clicca qui per leggere lo studio nella sua interezza e scopri i punti chiave. Con soluzioni create per K-12 e compatibili con tutti i sistemi operativi del dispositivo, Lightspeed Systems consente ai dipartimenti IT e agli insegnanti di mantenere gli studenti al sicuro nei loro viaggi di apprendimento digitale.

Ecco solo tre modi in cui manteniamo il nostro impegno per porre fine al cyberbullismo nelle scuole:

1. Filtro Lightspeed (ex relè) consente alle scuole di bloccare comportamenti inappropriati identificando e correggendo l'attività web ad alto rischio attraverso analisi e avvisi dei contenuti in tempo reale. Blocca i siti inclini al bullismo, rendi i social media di sola lettura e attiva il Controllo sicurezza per avvisi in tempo reale su attività indicative di cyberbullismo.

2. Elaborando 2 milioni di siti al giorno, il nostro database dinamico che supporta Relay è la tua risposta per ottenere la categorizzazione più accurata del web. Il suo solido database rende i rapporti sulle attività degli utenti accurati e completi, garantendo la sicurezza degli studenti e un uso appropriato. Tieni traccia degli utenti all'interno e all'esterno del campus per ottenere un'immagine olistica dell'uso dei dispositivi degli studenti.

3. Dare agli insegnanti l'accesso per monitorare il comportamento durante la lezione con Lightspeed Gestione delle classi, una facile aggiunta alla tua piattaforma Relay. Gli insegnanti possono visualizzare le schermate degli studenti, registrare il comportamento, visualizzare i rapporti sulla cronologia degli URL e bloccare i dispositivi in questa piattaforma di facile utilizzo. Non sei un cliente attuale? Vuoi saperne di più sul filtro intelligente di Lightspeed, sui solidi report e sulle funzionalità avanzate di protezione dalle minacce per ogni dispositivo? Siamo qui per aiutare. Richiedi una demo e chiedi come possiamo aiutarti a porre fine al cyberbullismo studentesco.

Ulteriori letture